I fardelli di Appendino

Chiara Appendino ha diversi problemi politici (si fa per dire). Cerca la riconferma, chiede il sostegno al Pd per il secondo mandato, ma pesano i fardelli suoi e degli ex collaboratori, spiegavo in un pezzo di qualche giorno fa, dopo la richiesta di rinvio a giudizio del suo ex portavoce Luca Pasquaretta.

La notizia di oggi è che l’ex sovrintendente del Teatro Regio William Graziosi è indagato per corruzione e turbativa d’asta. Indagato anche Roberto Guenno, ex candidato del M5s alle comunali, tenore dalla carriera molto rapida (da corista sindacalista a responsabile Innovazione e sviluppo al Teatro Regio).

“Mi assumo io la responsabilità, William Graziosi è la persona giusta”, diceva Appendino nel 2018. 

Ma queste persone giuste sembrano non esserci, come dimostrano fin qui le scelte di Paolo Giordana, ex capo di gabinetto, cacciato per aver fatto togliere la multa a un amico, e Pasquaretta. 

Se a guidare Torino oggi ci fossero il centrodestra o il centrosinistra, il M5s farebbe le barricate.