Grosso grasso casino all’Inps

I provvedimenti sballati, rivedibili, gli errori grossolani, i decreti seguiti da altri decreti per aggiustare i decreti precedenti vengono giustificati con l’eccezionalità del momento. Con l’emergenza, tutto si può giustificare. Eppure il problema è l’ordinario, non lo straordinario. L’ultimo caso è quello dell’Inps, preso comprensibilmente d’assalto per le richieste di bonus. Orbene, non soltanto l’Inps è collassato, ma c’è stato un gravissimo data breach, con dati personali degli utenti diffusi a chiunque. Improvvisazione e cialtroneria prescindono dai tempi eccezionali. C’erano già prima, adesso se ne accorgono tutti. Ma non tutto può essere giustificato con l’emergenza. Poi c’è chi si stupisce perché alcuni si oppongono al tracciamento digitale. Visto il livello di incompetenza, prima dovremmo tracciare i tracciatori.

Ma cos’è successo? Una fonte che ho contattato mi ha dato questa possibile spiegazione:

È impossibile dire cosa sia successo dagli screenshot e dai report degli
utenti, ma con qualche probabilità si tratta di un problema di cache
(lato server) delle risposte, intrecciato magari con il potenziamento
dell’infrastruttura per gestire il picco di carico.

Su Reddit è in corso una conversazione sul tema e uno degli utenti sembra confermare questa ipotesi, ampliandola:

In ogni caso, un data breach di queste proporzioni non è giustificabile.

Update: Beppe Conte dice che è colpa degli hacker. Lo hacker che bontà.

Roma, 1 apr. (Adnkronos) – Ai leader di opposizione riuniti a Palazzo Chigi, il premier Giuseppe Conte ha spiegato che i problemi registrati dal sito Inps sono legati ad attacchi hacker.

Update / 2: Anche Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, dice che è colpa degli hacker:

“Abbiamo ricevuto nei giorni scorsi e anche stamattina violenti attacchi hacker”, dice Tridico all’AdnKronos.

Il garante della Privacy, Antonello Soro, ammette di essere preoccupato, parlando con l’AdnKronos.

”Siamo molto preoccupati per questo gravissimo data breach. Abbiamo immediatamente preso contatto con l’Inps e avvieremo i primi accertamenti per verificare se possa essersi trattato di un problema legato alla progettazione del sistema o se si tratti invece di una problematica di portata più ampia. Intanto è di assoluta urgenza che l’Inps chiuda la falla e metta in sicurezza i dati”. Così all’Adnkronos Antonello Soro, Garante Privacy, commentando il caso del sito dell’Inps andato in tilt.

”Quella della mancanza di sicurezza delle banche dati e dei siti delle amministrazioni pubbliche è – prosegue il Garante – una questione che si ripropone costantemente, segno di una ancora insufficiente cultura della protezione dati nel nostro Paese”.