Le riflessioni più ampie di Marco Minniti (Ecce Bombo)

Il “minnitometro”, come lo chiama Alessandro De Angelis, da mesi indica attese ed eterni passi avanti e indietro. «Serve una riflessione più ampia», diceva Michele Ventura, storico esponente del Pci-Pds-Ds, già vicesindaco di Firenze e vicecapogruppo del Pd alla Camera, abilissimo nel traccheggiare. Ogni settimana, per Minniti, pare essere quella decisiva; «entro due giorni si candida», ripetono da settimane i dirigenti renziani che gli stanno dando una mano. Questi due giorni nel frattempo sono diventati almeno dieci. Si sarebbe dovuto candidare fra martedì e mercoledì scorso, adesso pare che la decisione slitti a dopo l’assemblea del Pd di questo sabato. Nel frattempo, venerdì presenterà il suo libro con Matteo Renzi e Dario Nardella a Firenze. Sembra di sentire il Nanni Moretti di “Ecce Bombo”: «Senti, ma che tipo di festa è? Non è che alle dieci state tutti a ballare i girotondi e io sto buttato in un angolo, no? Ah no, se si balla non vengo».