Sicché, il dubbio viene: non che quella della Lega (ma anche quella dei Cinque stelle) è solo una posizione di comodo per poter continuare a speculare politicamente?

Matteo Salvini dice che vanno redistribuiti i migranti in tutta Europa. Molto bene. Nel novembre 2017 il Parlamento europeo ha espresso la sua posizione sulla riforma del regolamento di Dublino – risalente al 2013 – sul diritto d’asilo e la novità più importante riguardava proprio l’abolizione del principio del paese di primo ingresso. Al momento del voto, la Lega s’è astenuta e il M5s ha votato contro. Come mi ha spiegato tempo fa Gianfranco Schiavone, vicepresidente dell’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione, il testo approvato dal Parlamento Europeo nel 2017 voleva introdurre un profondo “cambio di paradigma”, a partire dall’eliminazione del criterio in base al quale la competenza all’esame della domanda di protezione si radica nel paese nel quale il richiedente ha fatto ingresso, sostituendo questo approccio, da tutti considerato fortemente inefficiente, con una nuova concezione in base alla quale il richiedente protezione va considerato un soggetto che fa ingresso nell’Unione considerata nel suo complesso. 

In più, come mi ha detto l’ex europarlamentare Elly Schlein a marzo, Salvini ci dovrebbe spiegare “perché lui o altri non si sono mai presentati alle 22 riunioni di negoziato e perché la Lega prima vota contro in commissione e poi si astiene in aula alla proposta di modifica. Sono atteggiamenti ipocriti. Spieghi perché si lamenta dei mancati ricollocamenti ma a Strasburgo nel 2017 quando abbiamo votato sui 160 mila ricollocamenti dall’Italia e dalla Grecia, la Lega ha votato contro. Spieghi perché su Dublino sacrifica l’interesse l’italiano sull’altare della sua alleanza politica con i nazionalisti di estrema destra, a partire da Orbán”. 

Sicché, il dubbio viene: non che quella della Lega (ma anche quella dei Cinque stelle) è solo una posizione di comodo per poter continuare a speculare politicamente?

Mi piacerebbe ricostruire il momento esatto in cui è stato stabilito che tutto è consentito

Mi piacerebbe ricostruire il momento esatto in cui è stato stabilito che tutto è consentito. Se sei la leader di un partito puoi invocare l’affondamento di una nave che sta trasportando persone; se sei il ministro dell’Interno puoi trattare come biechi comunisti tutti quelli che non sono d’accordo con i “porti chiusi”, come se non si potesse essere di destra e pensare che questi sovranisti sono solo le scimmie del loro ideale; se sei il ministro dell’Interno, peraltro, puoi dire che i porti sono chiusi anche quando non è vero ma tanto a nessuno importa distinguere il verosimile dal falsosimile, l’importante è che le apparenze prevalgano sui dati di fatto. 

Mi piacerebbe ricostruire il momento esatto in cui le emozioni hanno preso il sopravvento sulla razionalità, in questo perenne stato emergenziale in cui c’è solo spazio per l’indignazione e il vittimismo, e in giro ci sono comunicatori spacciati per strateghi solo perché solleticano gli istinti delle persone. Come se non fosse fin troppo facile individuare ciò che ci rende potenzialmente una massa di imbecilli e far leva su quei disvalori per pura compravendita e propaganda elettorale. Non so cosa darei per vedere quel momento in cui tutto è cominciato. In cui è stato stabilito che puoi straparlare o strafare, e tanto vale tutto.